Notizie

Immuni registra 2,2 milioni download e sarà disponibile per tutti dal 15 Giugno

Gli italiani stanno mettendo da parte le preoccupazioni sulla privacy relative ad Immuni e in 10 giorni l'app registra 2,2 milioni di download.

L’Italia, il primo grande Paese europeo a lanciare un’app per smartphone per tenere traccia dei contagi del COVID-19 che non si basano su un database centralizzato, ha già registrato 2,2 milioni di download in 10 giorni, un segno che gli italiani stanno mettendo da parte le preoccupazioni sulla privacy.

Il governo, come quelli di altri paesi europei colpiti dal virus, sta pubblicizzando il software come uno strumento vitale per aiutare a evitare una seconda ondata di infezioni. La Germania lancerà la sua versione la prossima settimana.

“Vogliamo un’estate in cui il turismo sia il più sicuro possibile. Questa app può aiutarci a riprendere le attività dopo il blocco “, ha dichiarato il ministro per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione Paola Pisano.

L’Italia è stato il primo paese europeo ad essere colpito duramente dal coronavirus con oltre 34.000 morti. Il lockdown ha ridotto drasticamente i tassi di infezione, ma i timori rimangono per un nuovo focolaio alla fine di quest’anno.

La richiesta del governo per un’app di rintracciamento in origine ha incontrato resistenza da parte dei difensori della privacy e dei politici dell’opposizione.

“Anche i miei suoceri l’hanno scaricato”, ha detto Daniela Camozzi, 47 anni, a Sarzana, una città nella regione della Liguria settentrionale, una delle prime parti del paese in cui l’app è stata rilasciata a scopo di test.

“Non capisco tutta questa preoccupazione per la privacy. Ogni volta che utilizziamo il nostro smartphone, i nostri dati vengono profilati in modo molto più massiccio di quanto possa fare questa app. ”

Immuni, basata sull’API di notifica dell’esposizione di Apple e Google, utilizza il Bluetooth LE per registrare contatti stretti in modo sicuro sul dispositivo.

immuni

Nel caso di un test coronavirus positivo, il medico carica il risultato in modo anonimo su un server e viene inviata una notifica alle persone con cui l’utente positivo h avuto contatti negli ultimi 14 giorni. L’app consiglia di chiamare un medico, autoisolarsi e cercare una sede per effettuare il test.

L’adozione da parte dell’Italia di questo approccio “decentralizzato” è in linea con un numero crescente di paesi europei, tra cui Svizzera, Germania e Austria. Il loro approccio comune potrebbe in seguito supportare una funzione di “roaming” per i viaggi all’estero.

La Francia, nel frattempo, ha lanciato un’app la scorsa settimana che archivia i dati su un server centrale, un approccio che non è supportato da Apple per motivi di privacy e funziona male su iPhone.

Stefano Denicolai, membro della task force italiana COVID-19, ha dichiarato che Immuni potrebbe contribuire a l’epidemia se il 25% degli italiani scaricherà l’app.

Resta da vedere se la popolarità iniziale dell’app sarà sostenuta man mano che viene implementata in modo più ampio. Matteo Salvini, leader dell’opposizione di destra, continua a negare il supporto: “Fino a quando non ci sarà una garanzia totale sulla protezione della privacy, non scaricherò nulla“, ha detto. Dichiarazioni fuorvianti che potrebbero spingere molti italiani a non scaricare l’app.

Il Presidente del Consiglio, ha dichiarato che Immuni sarà ufficialmente disponibile il 15 Giugno:

“Da lunedì potrà essere scaricata in tutto il territorio nazionale e sarà operativa l’app Immuni. La potete scaricare con sicurezza, serenità e tranquillità, perché tutela la privacy, ha una disciplina molto rigorosa, non invade gli spazi privati”. “Siamo orgogliosi: siamo stati tra i primi in Europa, se non addirittura i primi nel mondo occidentale ad avere raggiunto il risultato dell’App Immuni che ha superato il vaglio molto severo degli istituti internazionali più rigorosi e accreditati”.

Tags
Show More

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close